Tempo di lettura: 6 min
09.01.2023
author Ing. Ladislav Fuka, Fuel expert

Qualità del carburante - Requisiti di base

Le ricerche di marketing condotte in tutta Europa dimostrano che, oltre al prezzo, il fattore più importante nel processo decisionale del cliente che sceglie dove acquistare il carburante è la percezione della qualità del carburante.

Qualità del carburante - Requisiti di base

Come riconoscere un buon carburante

Da un lato, tutti vogliono sicuramente acquistare prodotti di livello più elevato e conveniente. D'altra parte, una volta che ci fermiamo in una stazione di rifornimento, apriamo il tappo del serbatoio, inseriamo l'ugello e premiamo la leva, abbiamo qualche possibilità di giudicare la qualità della materia che scorre nel nostro serbatoio? La risposta è no, non lo facciamo. Non possiamo vedere il carburante e, anche se potesse, non possiamo differenziare troppo. Possiamo ricavare una certa impressione dall'ambiente della stazione, dall'ordine, dalla disponibilità e dal livello di altri servizi che, nella maggior parte dei casi, non sono legati alla qualità del carburante. Per avere la vera prova della qualità, dobbiamo andare più a fondo ed essere attenti a ciò che il fornitore di carburante dichiara di fare e al tipo di prove che offre ai suoi clienti per una valutazione personale. E per valutare correttamente, dobbiamo capire qual è la vera qualità del carburante e non esiste un solo livello.

Requisiti di base delle proprietà dei carburanti premium

Il primo esempio di qualità del carburante di cui tutti hanno sicuramente sentito parlare è la conformità agli standard internazionali di qualità del carburante . Per il carburante diesel nell'UE, EN 590 è la norma obbligatoria. Sembra abbastanza semplice, il carburante soddisfa o meno lo standard, ma la norma comprende 18 diversi parametri e la maggior parte, se non tutti, dovrebbero essere osservati per descrivere in modo esaustivo la qualità. La norma comprende anche i limiti di ciascun parametro da rispettare. Se viene rilevata una qualsiasi discrepanza in un parametro casuale, il carburante è automaticamente non conforme e, in base al grado di violazione, può essere considerato potenzialmente dannoso per le condizioni dei veicoli o per l'ambiente circostante, oppure potrebbe essere coinvolto in attività fraudolente. D'altra parte, la rivelazione di una discrepanza di minore entità non implica automaticamente una grave minaccia. Per capire meglio la gravità, dividiamo i casi in gruppi.

  • Violazioni della qualità stagionale

Per la qualità del gasolio, si fa sempre riferimento alle proprietà di flusso a bassa temperatura. Se il carburante non supera il test di filtrabilità, CFPP (Cold Filter Plugging Point), e le temperature ambientali sono sufficientemente basse, l'operatività dei veicoli può essere compromessa, poiché i filtri del carburante tendono a intasarsi più rapidamente di sostanze solidificate. Tali violazioni della qualità sono considerate involontarie e il carburante non causa ulteriori danni, il fornitore di carburante non è riuscito a passare in tempo a un carburante più resistente al gelo. Succede raramente anche alle aziende più rinomate, ma solo all'inizio della stagione invernale. Se questo viene rivelato da un organismo di sorveglianza nazionale, viene penalizzato moderatamente.

  • Cattiva gestione e manipolazione del carburante

Il parametro tipico di questa categoria e quello più frequentemente violato nel gasolio è il punto di infiammabilità (FP). In origine, si tratta di un parametro di sicurezza in quanto il gasolio è classificato come sostanza infiammabile del Gruppo III con punto di infiammabilità superiore a 55°C. Se il valore trovato è inferiore, il carburante non appartiene più a questa categoria e le precauzioni di sicurezza devono essere più severe. Sembra che non sia troppo importante per il cliente finale, ma in realtà può rappresentare un rischio significativo. Il motivo principale per cui il FP cala è la presenza di benzina come contaminante principale nel gasolio. Esistono casi documentati in cui tale carburante contaminato ha causato l'incendio del sistema di post-trattamento del veicolo, ma la minaccia principale risiede nella diluizione del carburante e nella diminuzione della viscosità. In altre parole, il gasolio fortemente contaminato dalla benzina crea un film di lubrificazione molto più sottile in molte parti del sistema di alimentazione soggette a usura, come le pompe del carburante e soprattutto gli iniettori. Tale carburante può causare danni irreversibili la cui manifestazione può essere differita (anche in mesi di funzionamento).

Conseguenze della cattiva qualità del carburante

La penalizzazione di una violazione della qualità dipende dalla sua gravità. I punti di infiammabilità fino a 45°C tendono ad essere multati moderatamente in quanto non comportano rischi eccessivi per i veicoli. Al contrario, i punti di infiammabilità inferiori a 20°C sono molto gravi e tali sono le conseguenze. Nella maggior parte dei casi, le discrepanze del punto di infiammabilità non sono imputabili alle stazioni di rifornimento. Possono derivare da una cattiva progettazione del sistema di recupero dei vapori di benzina o da altri difetti tecnologici, ma nella stragrande maggioranza dei casi la colpa è della catena di approvvigionamento del carburante con le autocisterne. Il meccanismo è abbastanza semplice: il gasolio viene trasportato in un serbatoio dopo la benzina oppure l'operatore del camion ha scaricato per errore la benzina nel serbatoio del gasolio (collegando un tubo a un orifizio sbagliato). I fattori umani sono di grande importanza qui e qualsiasi tentativo di coprire l'errore (ad esempio, cercando di bilanciare la quantità di ciascun carburante con lo scarico reciproco del gasolio nel serbatoio della benzina) può causare enormi mal di testa.

Selezionare fornitori di carburante affidabili

L'ultimo gruppo di incongruenze qualitative è quello della produzione. Gli errori nella produzione ufficiale da parte delle raffinerie e dei terminali di carburante possono verificarsi, ma sono molto rari. Se si verifica qualcosa del genere e il controllo di qualità in uscita non lo rileva, spesso le violazioni non sono troppo gravi e si limitano a deviazioni minori, ad esempio nel contenuto di zolfo o FAME (biodiesel), nella curva di distillazione o nel numero di cetano.

Tuttavia, esiste un gruppo speciale di difetti di qualità della "produzione" più spregevoli che provengono da attività fondamentalmente fraudolente e sono il risultato diretto dell'adulterazione del carburante. Il meccanismo consiste nell'aggiungere componenti più economici già presenti nel carburante. Il prezzo più basso può essere ottenuto grazie alla riduzione o all'assenza di imposte sulle sostanze miscelate, oppure perché tali sostanze sono già utilizzate e quindi considerate rifiuti o risorse secondarie. Le frazioni di idrocarburi più frequentemente utilizzate in modo improprio sono i solventi e i fluidi per operazioni industriali, come gli oli lubrificanti, di formatura e per trasformatori. Tali prodotti generalmente superano l'intervallo di ebollizione del gasolio (essendo più pesanti), hanno un contenuto di zolfo più elevato o contengono altri contaminanti molto pericolosi per i motori e i sistemi di post-trattamento. Questo carburante adulterato è difficile da bruciare e lascia residui di carbonizzazione (come la fuliggine), danneggiando le condizioni generali del gruppo propulsore a causa di depositi eccessivi. Un contenuto eccessivo di zolfo o di altre sostanze che formano acidi può inoltre danneggiare in modo significativo il motore, creando un ambiente corrosivo ed esaurendo gli additivi protettivi presenti nell'olio motore. Una simile scoperta non deve essere riscontrata in nessuna stazione di servizio rinomata, poiché se ciò accade e viene rivelato, una massiccia sanzione finanziaria è il problema più piccolo, poiché il danno alla reputazione è devastante. Se state cercando un fornitore di carburante affidabile, potete trovare maggiori informazioni sull'offerta di carburante di Eurowag.

Requisiti UE

Come indicato in precedenza, le stazioni di rifornimento in tutta l'UE sono soggette a regolari indagini sulla qualità condotte da ciascun governo statale. Tuttavia, il requisito fondamentale dell'UE è piuttosto basso in termini di intensità complessiva e spetta alle agenzie nazionali per la tutela dei consumatori renderlo più rigoroso. Oltre alla reputazione generale e all'impressione di qualità, se le catene di stazioni di rifornimento vogliono dimostrare un'ulteriore attenzione alla qualità del carburante, è meglio che siano coinvolte in un monitoraggio indipendente e di terza parte della qualità del carburante, vale a dire un campionamento e un'analisi regolari del carburante senza alcun preavviso. Questi sono quelli che meritano davvero la fiducia perché non nascondono nulla ai loro clienti. Eurowag offre alle aziende di autotrasporti una soluzione semplice per pagare e trovare stazioni di rifornimento di alta qualità con le carte carburante Eurowag, valide in tutta Europa.